21 Aug 2011

Laylatul Qadr: la Notte del Destino

Per ogni sincero credente che esegue l’orazione, compie delle suppliche e ricorda Allah (Che sia Glorificato) con buona fede e ha speranza nella Sua ricompensa, le virtù di questa splendida notte sono enormi. I musulmani che sono seriamente intenzionati a seguire la Sunnah del Messaggero (pace e benedizioni su di lui) non dovrebbero certo preparare striscioni per questa notte, ma dovrebbero gareggiare nella venerazione di Allah (che Sia Glorificato) con Eeman (fede) e sperare nella Sua ricompensa.
Allah (Che sia Glorificato) ha detto (traduzione del significato):

“Invero lo abbiamo fatto scendere nella Notte del Destino.
E chi potrà farti comprendere cos'è la Notte del Destino?
La Notte del Destino è migliore di mille mesi.
In essa discendono gli angeli e lo Spirito (angelo Gabriele), con il permesso del loro Signore, per [fissare] ogni decreto.
È pace, fino al levarsi dell'alba.”

(Corano Sura al-Qadr, Il Destino 97:1-5)

Essa rappresenta anche la notte in cui sono stabiliti tutti i decreti. Allah (Che sia Glorificato) dice, ciò che significa:
“Per il Libro esplicito (il Corano). Lo abbiamo fatto scendere in una notte benedetta (Laylatul Qadr), in verità siamo Noi ad ammonire, durante la quale è stabilito ogni saggio decreto (amran), decreto che emana da Noi.” (Corano, Sura ad-Dukhan, Il Fumo 44:2-5)

“Amran” (cioè ordine, oppure questo Corano, oppure il decreto su ogni faccenda) da Noi.

Quando si determina Lailatul Qadr?

[…]La narrazione più autentica riguardo il momento in cui si determina Lailatul Qadr (La Notte del Destino), è quella secondo la quale essa dovrebbe essere ricercata nelle notti dispari tra gli ultimi dieci giorni di Ramadan. A’isha raccontò che il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) di Allah (Che sia Glorificato) soleva secludersi in I’atikaf durante le notti dispari delle ultime dieci notti di Ramadan ed egli disse: “Ricercate la Notte del Destino nelle notti dispari delle ultime dieci notti di Ramadan.” [Al-Bukhari e Muslim]
Qualora si fosse troppo deboli oppure impossibilitati a ricercarla nelle ultimi dieci notti dispari, che si cerchi di non perdere le notti degli ultimi sette giorni come si determina dal seguente hadith.
Ibn ‘Umar narrow che il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) di Allah (Che sia Glorificato) disse: “Ricercate nelle ultime dieci notti. Comunque, se foste deboli oppure incapaci, allora che non si perdano le ultime sette notti.” [Bukhari e Muslim]

Come ci si dovrebbe relazionare con tale notte?

In verità, a causa della sacralità di questa notte, ogni musulmano sincero dovrebbe davvero sforzarsi di ricercarla, prestabilendo di trascorrere le [ultime dieci] notti dispari [di Ramadan] con Eeman (fede, cioè eseguendo delle preghiere) e un desiderio di accumulare le sue benedizioni. Qualora si riesca a raggiungere tale obiettivo, tutti i peccati precedent saranno perdonati come si determina dal seguente hadith. Il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) disse: “Chiunque preghi durante la Notte del Destino con Eeman (fede) e sperando nella sua ricomesa, Allah gli perdonerà i peccati antecedenti.” [Bukahri e Muslim]
Durante tale notte si raccomanda si fare quante più suppliche possibile. Si narra da A’isha (radiallahu’anha) che disse: “Dissi: ‘O Messaggero di Allah, se sapessi qual è la notte del Destino, cosa dovrei dire?’ Egli rispose: ‘Di’: ‘O Allah stai perdonando e tu ami perdonare dunque perdonami.” [Ahmad, Ibn Majah, e Tirmidhi]
Adesso che siete al corrente dell’importanza della Notte del Destino, prefiggetevi di onorare le ultime dieci notti e di allietarle con atti di Ibadah, astenendovi dalle donne e incoraggiando la vostra famiglia a fare lo stesso ed essere obbedienti quanto più possibile.
A’isha (radiallau’anha) disse: “Quando sopraggiungevano gli ultimi dieci giorni di Ramadan il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) soleva astenersi (dal contatto con le sue mogli) e si prefiggeva adorazione durante queste notti. Svegliava (la sua famiglia) per fare lo stesso.” [Bukahri e Muslim]
Ed ella (radiallahi ‘anha) disse anche: “Il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) soleva sforzarsi in Ramadan più di quanto egli facesse in ogni altro mese.” [Muslim]

I Segni della Notte del Destino

Il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) descrisse la notte del Destino in modo che i musulmani potesseto riconoscerla.
Ubbay (radiallahu ‘anhu) disse: “La mattina seguente la Notte del Destino il sole sorge senza raggi; (è come) un catino finché sorge.” [Muslim]
Abu Hurairah (radiallahu ‘anhu) disse: “Menzionamo la Notte del Destino al Messaggero (pace e benedizioni su di lui) ed egli disse: “Chi di voi ricorda quando la luna sorge ed è come metà catino.”
Ibn Abbas (radiallau ‘anhu) dise che il Messaggero (pace e benedizioni su di lui) disse: “La Notte del Destino è una notte di generosità e di felicità, non è né calda né fredda. Nella mattinata seguente il sole sorge debole, rossiccio.” [Tabarani, Ibn Khuzaimah e Bazar]

Tradotto da:
The Rulings of Ramadaan
Author: Islamic Society of the University of Essex
Fonte: salafipublications
Ogni errore e' solo dalla mia ignoranza

No comments:

Post a Comment

Post a Comment